Quanto olio di palma c’è nella Nutella? La foto virale che svela gli ingredienti

La crema alle nocciole più famosa al mondo, che fa impazzire da generazioni sia grandi che piccoli, il prodotto numero uno dell’azienda italiana avrebbe una ricetta in realtà molto diversa dalle aspettative. Nelle ultime ore in rete è comparsa una foto che ha aperto una grande discussione: si tratterebbe infatti delle quantità degli ingredienti in essa contenuti.

L’obbligo per legge di indicare sull’etichetta gli ingredienti contenuti per ottenere quel prodotto è sempre stato rispettato, ma anche le dosi in cui ciascuno di essi vengono impiegati è importante. Nella credenza popolare (come normale che sia) si è sempre pensato che questo prodotto sia costituto per la maggior parte da nocciole e cacao, a cui segue lo zucchero e in ultimo anche l’olio di palma. Da questa immagine invece non sarebbe così: al primo posto in ordine decrescente di impiego ci sarebbe lo zucchero, a seguire il tanto criticato olio di palma, poi le nocciole e solo alla fine compare il cacao che invece dovrebbe essere tra gli ingredienti principali.

La Ferrero si è sempre difesa da ogni accusa dichiarando più volte pubblicamente che l’olio di palma impiegato è sano, sicuro e controllato.

Un prodotto a base di zucchero? Potrebbe essere questa la vera ricetta che si nasconde dietro ad ogni vasetto. Secondo l’etichetta, insomma, un intero vaso contiene 400 grammi di zucchero, il che significa che lo zucchero in soli tre cucchiai – 45 grammi – è più di quello che è in un intera lattina di Coca Cola.

La risposta da parte dell’azienda è arrivata subito “Non divulghiamo le proporzioni complete degli ingredienti in Nutella poiché la nostra ricetta è unica e vogliamo salvaguardarlo. L’etichetta del prodotto fornisce semplici e chiare informazioni nutrizionali per porzione di 15g, o due cucchiaini ricoperti, nonché per 100g. Gli ingredienti sono elencati anche sul sito web Nutella”; sul caso dello zucchero l’azienda risponde così “Lo zucchero che adoperiamo nei nostri prodotti è principalmente saccarosio. Questo si trova nella frutta e nella verdura e le principali fonti sono la barbabietola e la canna da zucchero. Ci riforniamo esclusivamente da produttori che lavorano barbabietole non geneticamente modificate, tutte provenienti dall’Europa. La canna da zucchero proviene invece solo da paesi extraeuropei. Acquistiamo solo zucchero non geneticamente modificato”.

in: Notizie Dal Mondo
09 giugno 2017
di silvia