Prevenire l’intolleranza al glutine fin dal primo anno di vita

Spuntano grandi novità ed enormi progressi per il problema della celiachia: come si legge sul sito www.celiachia.it uno studio recente ha evidenziato come sia possibile affrontare e prevenire il “formarsi” dell’intolleranza al glutine affrontato il problema fin dal primo anno di vita.

Introdurre il glutine a 12 mesi aiuta a prevenire la celiachia nei bambini ad alto rischio, geneticamente predisposti a non tollerare il glutine mentre per gli altri il momento per introdurre il glutine nella pappa non influisce sul rischio di ammalarsi: lo dimostra per la prima volta al mondo uno studio italiano sostenuto dalla Fondazione Celiachia dell’Associazione Italiana Celiachia (AIC), appena pubblicato sul prestigioso New England Journal of Medicine, che rivela anche come l’allattamento artificiale non aumenti la probabilità di diventare celiaci.” Queste sono le parole che si leggono sul sito sopra citato: buone notizie quindi in arrivo per tutti coloro che sono intolleranti al glutine e rischiano di tramandare questo problema ai loro figli.

La celiachia è oggi nel nostro paese un problema molto diffuso, perché è arrivata a colpire una persona ogni 100 per un totale di circa 600.000 individui. Questo studio, italiano, pubblicato sul New England Journal of Medicine, lancia un messaggio tranquillizzante a tutte quelle mamme che hanno paura ad introdurre i cibi con glutine nell’alimentazione dei loro figli: “Non è necessario aspettare troppo né sperimentare cibi con glutine molto presto: nei bambini senza una predisposizione genetica forte alla celiachia, il momento in cui il glutine entra nella pappa non influisce sulla probabilità di ammalarsi; nei piccoli ad alto rischio, invece, “conoscere” il glutine non prima dei dodici mesi aiuta a ridurre il pericolo di celiachia“.

Inoltre, c’è un messaggio e una buona notizia anche per quelle mamme che sono molto timorose verso l’allattamento artificiale: questo non influenza in alcun modo la possibilità che i vostri figli possano un giorno diventare celiaci.

in: Alimentazione
22 ottobre 2014
di silvia