Il pranzo al volo che non fa danni alla vostra linea

Le abitudini alimentari non sono facili da rispettare quando si mangia fuori, soprattuto quando magari si è al lavoro e il pranzo è una cosa da fare al volo. Ma ci sono alcuni piccoli segreti che, se rispettati, vi aiutano a combinare la velocità e la praticità del pranzo con il rispetto della linea. Senza avere ripensamenti.

1. Concentrarsi su ciò che si fa e a cosa si mangia: ad esempio stando in ufficio davanti al computer si incorre nell’evitabile gesto del prendere e mangiare, afferrando quasi qualunque cosa ci sia di commestibili sotto mano senza fare troppo caso a cosa questa sai; diventa così praticamente inevitabile ingrassare.

2. L’aspetto nemico dei lavori in ufficio o dietro ad una scrivania è la sedentarietà, se mangi e stai fermo il tuo organismo non brucia gli eccessi del pranzo e così poco per volta i chili aumentano e il vostro corpo rischia di far fatica ad abituarsi. Sempre meglio consigliato alzarsi e muoversi un pochino, soprattutto dopo il pranzo se ne avete la possibilità meglio fare 4 passi.

3. Per non incorrere in alimenti “rischiosi” la soluzione migliore è ricorre al pranzo al sacco: preparare a casa il pranzo non solo aiuta a controllare quantità e qualità degli ingredienti, in più c’è la garanzia che siano anche meno calorici rispetto a quelli che si comprano in giro come panini e piatti pronti.

4. Durante il momento del pasto, allontanatevi dalla scrivania! Quando si mangia è bene distrarsi dal lavoro, “staccare” mezz’ora la spina, concentrarsi sul cibo evitando che la distrazione vi porti ad abbuffarvi quasi inconsciamente.

5. Abbuffarti nuoce anche al tuo lavoro: un motivo in più per mangiare poco è che vi aiuta a tenere per il resto della giornata la concentrazione sul vostro lavoro. Un pranzo eccessivo oltre che incidere a poco a poco sulla vostra linea incide anche sulla vostra concentrazione, compromette questa e inevitabilmente si rifà sul vostro lavoro. Se mangiate poco e salutare, ne sarà contento sia il vostro corpo che il vostro capo!

 

in: Alimentazione
22 maggio 2017
di silvia