Pool Running, la moda dell’estate 2019 per una prova costume perfetta

Pancia piatta, glutei e cosce scolpiti, braccia sode e non solo. La Pool Running, o più semplicemente corsa in piscina, è la moda dell’estate 2019 per arrivare alla prova costume in perfetta forma. Questo sport sta spopolando in rete dopo che, come sempre accade, diverse star hanno condiviso la nuova scelta sportiva sui social.

Come spiegano gli istruttori Speedo dal punto di vista allenante, il pool running richiede un impegno muscolare e cardiorespiratorio elevato, sia per contrastare la resistenza dell’acqua, sia perché fa lavorare più del running terrestre l’upper body, chiamato in causa dal “core” in su per stabilizzare il corpo. Risultato? +75% di calorie bruciate.

Ma correre in piscina non aiuta solo la forma fisica e il rapporto con la bilancia, questo sport oltre ad essere completo per tutto il corpo, apporta anche dei benefici “non visibili”. Correre in piscina ha un grande vantaggio: la spinta idrostatica, che alleggerisce il corpo e allevia lo sforzo articolare, e la presenza dell’acqua, che impedisce di avvertire il sudore, fanno sì che ci si possa allenare con un’intensità anche elevatissima, senza quasi rendersene conto. In pratica, il training è meno impattante sul fisico, ma molto più efficace rispetto al running a secco. Lavorano in questo modo tutti i muscoli, mentre cuore e polmoni sono sollecitati in modo costante.

La cosa più importante però è non farsi trarre in inganno dalla semplicità dei movimenti. Per rendere il training efficace ed evitare di farsi male bisogna seguire alcune regole basilari“Evitare il fai da te e allenarsi sempre sotto la guida di trainer esperti” precisa Massimo Spattini, medico specialista in medicina dello sport “Questo tipo di allenamento è ideale per chi parte da zero. L’allenamento in acqua riduce il peso a carico delle articolazioni e diminuisce il rischio di infortuni più frequenti in chi è alle prime armi”.

 

in: Salute e Benessere
08 Aprile 2019
di silvia