Ossessionati dal fitness: 6 italiani su 10 ne soffrono, soprattutto le donne

Una perfetta forma fisica, un addome scolpito e workout ogni mattina: è il pensiero di molte persone che amano prendersi cura del proprio corpo e che trascorrono molto tempo in palestra. Mantenersi in forma è salutare per il proprio benessere psico fisico, ma quando si arriva all’esagerazione potrebbe comportare dei danni alla salute.

Non sempre dedicarsi all’attività fisica però è benefico per la salute, soprattutto quando si sviluppa una vera e propria ossessione per il workout: è il caso della dipendenza da fitness, un disturbo in aumento negli ultimi anni.

Per dipendenza da fitness si intende un disturbo che si caratterizza con la necessità di sottoporsi continuamente all’allenamento. Le persone che ne sono affette non riescono a rinunciare allo sport nemmeno momentaneamente, con importanti problemi sia fisici che psicologici. A livello del corpo si manifestano problematiche ai tendini e ai muscoli, si incentiva la produzione di acido lattico, si vengono a creare infiammazioni croniche, così come lesioni sia all’apparato scheletrico che ad alcuni organi. Per quanto riguarda la psiche, invece, il disturbo si caratterizza con ansia, timore, agitazione, sensazione di vuoto e depressione ogni qualvolta non sia possibile sottoporsi a una sessione in palestra.

I ricercatori hanno constatato che ben 6 italiani su 10 sono ossessionati dallo sport, dove ad esserne ossessionate sono in maggioranza proprio le donne. Una vera e propria dipendenza da sport che porta a trascorrere in palestra almeno 10 ore a settimana.

Gli indicatori di una dipendenza da attività fisica.

1. Superare regolarmente il limite pianificato in termini di tempo e di fatica senza riuscire a controllarlo.
2. Non prendersi sufficienti periodi di riposo, cura o recupero in caso di tendiniti, danni da sovraccarico o traumi.
3. Provare senso di colpa quando non ci si allena.
4. Aumentare progressivamente la frequenza e la durata degli esercizi giorno dopo giorno.
5. Sviluppare una “tolleranza”, ovvero avere bisogno di sempre maggiore attività per sentire i primi benefici, come accade nelle dipendenze vere e proprie (da sostanze, gioco d’azzado, videogiochi, alcol).
6. Sintomi d’astinenza con agitazione, stanchezza e tensione quando non ci si allena.
7. Overdose ovvero esercitarsi più del previsto anche in presenza di malesseri e dolori fisici da sovraccarico.
8. Perdita del controllo con difficoltà a valutare la giusta durata e l’intensità dell’esercizio fisico.
9. Dipendenza psichica. Dedicare allo sport, sia di giorno che di notte, una quantità di tempo tale da farlo interferire con tutte le altre attività.
10. Ridurre tutti gli impegni sociali che non siano correlati all’attività fisica: cambiare i progetti (comprese le vacanze), entrare in ritardo o uscire in anticipo dal lavoro, dall’università, da scuola.
11. Avere un’alimentazione finalizzata esclusivamente all’allenamento, con uso di integratori e talvolta farmaci senza il controllo medico, all’insegna di un pericoloso fai-da-te.

in: Salute e Benessere
08 Aprile 2019
di alessio