Melegatti trionfa a Natale: pandori a ruba, rinascita d’oro per l’azienda

Cinquecentomila pandori sfornati a tempo di record per non mancare sulle tavole di Natale degli italiani: Melegatti, la storica azienda dolciaria veronese, dopo lo spettro del fallimento e il salvataggio in extremis, riparte per la sua “seconda vita”.

I primi dolci sono stati prodotti da terzisti in altri stabilimenti, ma la proprietà è riuscita ad essere presente in alcune catene della grande distribuzione, oltre che nello spaccio aziendale di San Giovanni Lupatoto e nel temporary shop del centro di Verona.

“C’è stato un clima bellissimo in tutta l’azienda – dice all’Adnkronos – e questo è stato possibile grazie alla vecchia squadra e all’innesto mirato di alcuni profili che stanno portando innovazione”.

Ma la campagna di Natale è stato solo un anticipo di quello che dovrà diventare l’azienda. “A Pasqua – spiega – si ripartirà con i prodotti tradizionali, le colombe, le specialità, i farciti, introdurremo la novità della colomba ai cereali antichi”. L’obiettivo non è solo quello di guadagnare quote di mercato in Italia “Con un marchio così forte, contiamo di penetrare in alcuni segmenti di prodotti per tutti i giorni e poi andremo all’estero già nel 2019”.

L’azienda è ripartita, ha riassorbito 35 dipendenti a tempo indeterminato e altri ne assumerà, assicura la proprietà.

Il governatore del Veneto Luca Zaia parla di un “gran regalo di Natale”. 

in: Notizie Dal Mondo
22 Dicembre 2018
di alessio