Mangiare in un solo boccone

 

Vi presentiamo alcune ricette dove il bocconcino (clicca qui per vedere la ricetta dei Bocconcini di coda di rospo al prosciutto crudo della foto) è il protagonista, realizzare veri e proprio capolavori culinari non è mai stato così facile; la possibilità di “dividere” un piatto in bocconcini, significa renderlo ottimo sia come antipasto, come snack, come secondo, renderlo quindi volubile agli occhi di chi se lo trova davanti.

Bocconcini di spada

Da un trancio di pesce spada ricavare dei bocconcini. Farli rosolare in padella con un filo di olio. Nel frattempo preparare i condimenti: tagliare le patate a dadini e farle saltare in padella con olio e foglie di salvia tritate. Insaporire con sale e pepe, poi aggiungere spicchi di mandarini. In un’altra padella con aglio e olio, far appassire i broccoletti con un po’ di acqua.
Servire i bocconcini di pesce spada sulle foglie dei broccoli, con sopra le patate. Insaporire con sale agli agrumi.

 

 

 

Bocconcini di formaggio fritti
Passare le mozzarelline leggermente umide prima nella farina, poi nelle uova sbattute infine nel pangrattato; quindi cuocerle in abbondante olio bollente, scolarle su carta assorbente e servirle accompagnate da qualche salina.

 

 

 

 

 

 

Bocconcini di filetto al cognac
Infarinate i bocconcini di filetto di maiale e rosolateli in una padella con l’olio e la margarina, sfumate i bocconcini con il cognac e continuate la cottura per circa 10 minuti.
Aggiungete ai bocconcini la panna e il caramello e continuate la cottura ancora 1 minuto. Regolate di sale, pepe e mescolate bene il tutto, poi cospargeteli di prezzemolo tritato. Togliete i bocconcini dal fuoco e serviteli caldi accompagnati da purè di patate.

 

 

 

Bocconcini di merluzzo impanati
In una terrina contenente farina fioretto mischiata al pangrattato integrale impanarvi il merluzzo. Porre il merluzzo impanato su una teglia con carta da forno e oliare leggermente le fettine di pesce. Inforna a 220° per 30 minuti circa. Nel frattempo affettare i porri  e farli soffriggere con poca acqua in padella con la curcuma e il sale. Quando sono quasi pronti mettervii ceci e far cuocere. Poi prendere un misurino, versarvi il latte di soia, l’olio, un pochino di curcuma e un paio di cucchiai di aceto e tritare i diversi ingredienti in modo da creare un composto solido. Sfornare il pesce, porlo su un piatto, mettere come contorno i porri e i ceci e decorare il pesce con il composto di latte di soia e olio.

 

in: La nostra cucina
26 Luglio 2012
di alessio