L’inquinamento può modificare il DNA

Una ricerca condotta in Canada e pubblicata sulla rivista Nature parla chiaro: le sostanze inquinanti presenti nell’ambiente possono ‘prendere il controllo’ del Dna, accendendo in questo modo alcuni geni piuttosto che altri e scatenando malattie cardiache e respiratorie.

Una ricerca interessante e che può essere di spunto a molti, afferma il genetista Giuseppe Novelli rettore dell’Università di Roma Tor vergata “La ricerca ci dice quanto pesa il contributo dell’ambiente sul rischio di sviluppare determinate malattie. Queste notizie sono la conseguenza dell’interazione tra Dna, ambiente e casualità, ma non è facile determinare il peso di ognuno dei tre fattori.

Lo studio Confrontando Dna simili di individui che vivono in zone diverse, e quindi sono esposti a livelli differenti di inquinamento, i ricercatori hanno scoperto che le sostanze inquinanti influenzano l’accensione o lo spegnimento di alcuni geni piuttosto che altri, aprendo la strada soprattutto a malattie cardiache e respiratorie.

“L’impatto dell’ambiente sui geni – conclude infine il Dottor Novelli da Roma – è paragonabile a un vestito, che il Dna può mettere o togliere. Mentre il Dna è scritto a penna e non si può cambiare, il ‘vestito’ è scritto a matita e si può cambiare o con farmaci, oppure cambiando ambiente e stili di vita”.

in: Salute e Benessere
07 marzo 2018
di silvia