Le alternative al classico latte di mucca

Sono i molti quelli che hanno difficoltà a digerire il latte o magari a cui proprio il latte di mucca non piace. Esistono tante diverse alternative, differenziate l’una dall’altra per il sapore che questo alimento ha.

Diversi per sapore, ma non solo: ogni latte ha i suoi principi attivi, le sue vitamine e soprattutto la sua giusta destinazione. Ecco qui come possono essere classificati i vari tipi di latte, da quello di capra a quello di soia, da quello di riso a quello di mandorle ecc.

Il latte di capra è tra tutti questi l’unico di origine animale e risulta il più leggero e quindi più facilmente digeribile dall’organismo (anche rispetto a quello vaccino classico). Ricchissimo di calcio come ovvio che sia, è quello che ne contiene di più: 141 mg per 100 gr di prodotto. Oltre alla presenza del calcio, nel latte di capra ci sono molti acidi grassi, vitamina B9 e B12. Punto a sfavore: chi è intollerante al latte non può berlo.

Il latte di riso è quello più light in assoluto e abbastanza energetico; ha una dose bassissima di grassi ed è il latte adatto per chi soffre di celiachia. Punto a sfavore: latte povero di calcio.

Il latte di avena è ricco di proteine vegetali, sali minerali, vitamine B e carboidrati, grazie appunto all’avena con cui viene prodotto. Adatto agli intolleranti ma non ai celiaci.

Il latte di soia richiede una preparazione diversa, non essendo di origine animale; per questo vanno messi a macerare nell’acqua i semi della soia gialla e poi tritati, cotti e filtrato il tutto. A grandi linee il processo per produrre questo tipo di latte avviene così. Il latte di soia è ricco di Omega3, ha un dosaggio uniforme di vitamine A B E e fornisce al nostro organismo molti sali minerali tra cui fosforo e potassio. Ottimo per gli intolleranti.

In ultimo il latte di mandorla: buonissimo e dolce, fresco ma troppo calorico, quindi è meglio limitarne il consumo e magari diluirlo con dell’acqua. Tra tutti risulta essere però il latte con maggior rapporto energetico.

in: Alimentazione
26 Ottobre 2015
di silvia