Latte, Grano e ora il riso: obbligatoria l’etichetta dell’origine

L’annuncio dell’etichetta salva-riso made in Italy lo ha dato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina in diretta agli agricoltori; ”In accordo con il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda – ha detto Martina – è pronto il decreto per la sperimentazione dell’obbligo di indicazione di origine in etichetta e lo chiederemo a livello europeo pronti ad introdurre questo strumento in Italia”.

Buone notizie per entrambi le categorie di persone coinvolte, dai produttori (messi in ginocchio da quei 244 milioni di chili importati dall’Asia a dazio zero in Ue nel 2016) ai consumatori (costretti a comprare riso straniero a loro insaputa).

Tra le altre misure annunciate dal ministro, la richiesta a Bruxelles dell’attivazione delle clausole di salvaguardia, in modo da prevedere meccanismi più forti di tutela dei redditi dei produttori; la possibilità di estendere al settore risicolo, dopo quello del grano, la sperimentazione dell’assicurazione agevolata salva-ricavi per i produttori.

‘Il riso made in Italy – ha detto il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo è un primato per qualità, tipicità e sostenibilità da difendere”.

in: Notizie Dal Mondo
15 Aprile 2017
di silvia