La musica triste soluzione contro il cattivo umore

La depressione si cura con la musica, ma con la musica triste. Questa l’ultima trovata della scienza che dimostra come sia proprio la musica malinconia la migliore cura ai brutti stati d’animo.

La musica triste, infatti, avrebbe un potere calmante e rilassante in grado di ridurre la tristezza, e non di catalizzarla, come era stato osservato in un’indagine del 2015 condotta da ricercatori dell’Università di Yale e della The Hebrew University.

Gli scienziati si sono concentrati solo sulle donne anche perché nel gentil sesso il rischio di depressione è doppio rispetto agli uomini. Nella prima parte del test hanno chiesto alle ragazze di scegliere brani musicali da ascoltare da un’apposita selezione, composta da soli pezzi strumentali tra i quali “Infernal Galop” di Jacques Offenbach (tipicamente allegro) e “Adagio for Strings” di Samuel Barber, che è invece considerato un pezzo tristissimo. Le ragazze colpite dalla depressione hanno scelto nella maggior parte dei casi proprio brani tristi, come emerso dalla ricerca del 2015. Nella seconda parte del test è stato chiesto di ascoltare musica triste e allegra (sempre strumentale) e di segnalare il proprio stato d’animo in seguito all’ascolto. Il risultato è stato che quasi tutte le ragazze hanno indicato di sentirsi meglio dopo aver ascoltato musica triste.

“Non sono soltanto le canzoni più allegre ad avere un effetto positivo sull’umore dei guidatori, ma ugualmente possono averlo anche i brani dai testi e melodie più malinconiche. Infatti, le canzoni blue sono in grado di aiutarci a vivere meglio il rapporto con noi stessi. Ci possono ricordare, ad esempio, le difficili esperienze che abbiamo superato e dalle quali abbiamo tratto degli insegnamenti importanti per la nostra vita”, ha spiegato ulteriormente Amy Belfi, neuroscienziato cognitivo presso l’Università di New York.

in: Salute e Benessere
08 Maggio 2019
di silvia