La dieta vegana per i bambini: un errore

La dieta vegana, ancor più della dieta vegetariana, è un’alimentazione squilibrata perché vengono completamente eliminati tutti gli alimenti di origine animale.

Oggi il fatto di scegliere di aderire completamente ad un’alimentazione vegana è diventato anche un fatto legato alle mode; moltissimi individui adulti scelgono di modificare radicalmente i loro regimi alimentari, sottoponendo poi anche i figli a queste modifiche. Molto spesso di recente si è sentito parlare di neo-genitori che somministrano questo tipo di alimentazione anche a bambini molto piccoli.

Questa alimentazione porta, sopratutto appunto negli individui molto piccoli, a veri e propri squilibri alimentari, che si manifestano col tempo in forti carenze di vitamine e bassissimi livelli (in alcuni casi) di emoglobina.

Questa moda dannosa della dieta vegana per i bambini è stata presa a cuore dall’Humanitas, e attraverso le parole della dottoressa dietista Manuela Pastore, ha evidenziato tutti i danni che questa alimentazione non completa può provocare “La dieta vegana comporta una carenza di ferro, vitamine del gruppo B, B12 in particolare, e calcio. Tutti questi componenti possono essere assunti sotto forma di integratori, ma sono insostituibili il valore nutrizionale e le sinergie che i singoli nutrienti acquisiscono in un alimento e in associazione agli altri con un pasto equilibrato. I rischi per la salute sono collegati a tali carenze: si rischia dall’anemia all’osteoporosi.

Allo stesso modo la dieta vegana può avere delle ricadute negative anche sulle donne in fase di gravidanza e allattamento “Il feto assume dalla mamma tutto ciò che gli serve per crescere al meglio, i costi maggiori in questo caso sono infatti più della gestante che del bimbo. Lascerei la massima libertà sulle scelte personali, ma un’alimentazione priva di ingredienti animali deve essere valutata e gestita con molta attenzione. Un regime alimentare che escluda categorie intere di alimenti preziosi, quindi non equilibrata, come la dieta vegana, deve essere sempre condotta sotto stretto controllo medico a maggior ragione se viene scelta per categorie a rischio come bambini, anziani, sportivi, persone con gravi patologie. Si tratta di una dieta, infatti, per la quale non ci sono studi scientifici validati che escludano ripercussioni sulla salute e in particolare sulla crescita dei bambini“.

in: Alimentazione
04 Luglio 2016
di silvia