In Italia anche gli stranieri mangiano la pasta

La pasta, uno dei tanti alimenti simbolo della cucina e della cultura del Made in Italy, rimane il cibo preferito da tutti: sorpassa il riso per gli italiani e anche il cuos cous per gli immigrati. Questo è il dato che emerge da un’analisi condotta sul mercato da parte di Aidepi.

L’Associazione industriali del dolce e della pasta italiani ha infatti notato che dal 2007 il numero di immigrati regolari è arrivato circa a 6 milioni; parallelamente a questo numero è stato riscontrato anche un aumento di circa il 5% dei consumatori di pasta. 

L’amore per la pasta, la passione italiana con cui viene fatta e l’attenzione con cui viene pubblicizzata sul mercato ha reso questo prodotto un must in tutte le cucine; la pasta è in pratica riuscita a conquistare il palato di tantissime persone, non sono gli italiani stessi ma anche tutti coloro che provengono da altri paesi superando così i loro piatti tipici.

Si è espresso a riguardo anche il presidente della sezione pasta di Aidepi, Riccardo Felicetti, il quale rivela che questo “dato-sorpresa” è da considerarsi una grandissima soddisfazione per l’Italia: “Scoprire che la pasta è riuscita a conquistare così tante persone, provenienti anche da Paesi con culture alimentari diverse e distanti dalla nostra è una ulteriore conferma della effettiva e naturale natura globale di questo prodotto.“.

La pasta è, rispetto a molti atri generi alimentari verdure incluse, l’alimento più consumato; il 45% degli immigrati consuma pasta 4 o più volte alla settimana, il 51% da 1 a 3 volte e infine solo un misero 4% una sola volta alla settimana. C’è anche chi afferma di consumare pasta ogni giorno.

in: La nostra cucina
10 Aprile 2015
di silvia