Il periodo delle castagne è iniziato: ecco perché dire di si

Sono questi i mesi migliori per mangiare le castagne: dalle classiche caldarroste amate da moltissimi a castagne nei sughi, con la carne o nei dolci. Le castagne sono uno di quegli alimenti per cui non ci sono controindicazioni, anzi, meglio consumarle.

Come ogni alimento, anche queste hanno i loro aspetti positivi: principalmente sono ricche di sali minerali quali potassiofosforomagnesiocalcio e in piccola parte anche ferro. In secondo luogo oltre ad essere ricche di zuccheri (purtroppo si sa, le castagne sono tante buone quanto caloriche – per 100 gr di castagne sono circa 150 calorie) sono anche ricche di diverse tipologie di vitamine quali C, B1 e B2, PP. Bassa invece la quantità di grassi.

Ma tutte queste “ricchezze” delle castagne a cosa portano? Che benefici portano al nostro organismo?

1. Per l’organismo: Aiutano l’intestino ad essere più regolare e regolano la flora batterica, proteggono da disturbi gastrointestinali.

2. Per l’organismo e la “mente”: Fungono da “caricabatteria” per tutti quegli individui che soffrono di stanchezza dovuta al cambiamento di stagione, che in questo periodo si manifesta principalmente sotto forma di raffreddore, tosse, febbre.

3. Per il corpo: Un aiuto per chi presenta macchie sulla pelle: utilizzate in questo caso come prodotto per la cura del corpo, le castagne vanno bollite e poi schiacciate in modo da ottenere una purea; questa mescolata con del succo di limone e spalmata sulla zona con le macchie per circa 20 minuti, vi aiuta a schiarirle.

Attenzione: non tutte le castagne sono buone, ma come fare a riconoscerle? Mettere tutte le castagne che avete acquistato in una pentola con dell’acqua per un’ora, quando trascorso questo tempo vi sono delle castagne a galla, queste vanno eliminate e potete mangiare quelle rimaste sul fondo!

in: Alimentazione
28 Settembre 2015
di silvia