I piatti italiani amati dagli americani

E’ stata stilata una lista dei 10 piatti italiani più amati in assoluto dagli americani; a valutarli e premiarli sono stati alcuni degli chef dei più quotati ristoranti italiani in Americani. Migliori e peggiori piatti, dove la pasta resta sempre al primo posto come il piatto più amato da sempre.

Spaghetti aglio e olio: secondo lo chef Hoel Hought del ristorante Il Buco di New York “Semplice e sobrio, ma davvero squisito, si realizza seguendo le tecniche fondamentali di preparazione della pasta che ogni chef deve per forza conoscere.
–> [Spaghetti aglio e olio / Spaghetti aglio olio e peperoncino]

Sarde: secondo lo chef Jared Gadbaw del ristorante Marea di New York “Un alimento italiano davvero sottovalutato negli Usa sono le sarde, che invece sono un pesce molto saporito e che si presta bene ad essere grigliato e servito ad esempio con un mix di cipolle, uvetta e pinoli.
–> [Tutte le ricette con Sarde]

Arancini: secondo lo chef Jasper Mirabile Jr. del Jasper’s Restaurant di Kansas City “Queste palline di riso ripiene di carne e formaggio sono talmente deliziose che comincio a vederle sempre più spesso sui menu dei ristoranti americani. Per quanto mi riguarda, le mangio fin da quando sono bambino e sebbene ci siano molte ricette differenti, preferisco ancora quella tradizionale.
–> [Arancini di riso]

Pasta al pomodoro: secondo lo chef Mike Isabella del Ristorante Graffiato di Washington “Un piatto semplice, ma se fatto nel modo giusto – ovvero prendendo tutto il tempo che serve per insaporire la salsa e condendo ogni ingrediente con amore – è assolutamente delizioso.
–> [Pasta al pomodoro]

Baccalà: secondo lo chef Walter Pisano del ristorante Tulio di Seattle “Molto popolare a Venezia, in realtà il baccalà è un merluzzo salato ed è un piatto molto versatile ed incredibilmente semplice, anche se la preparazione richiede del tempo: tanto per dire, un nostro cliente chiama in genere con due settimane d’anticipo per prenotarlo ed essere così sicuro di trovarlo.
–> [Tutte le ricette con Baccalà]

Mondeghili: secondo lo chef Filippo Gozzoli del ristorante A Voce Colombus di New York “Polpette della tradizione milanese, sono fatte con mortadella, manzo e maiale macinati, parmigiano, prezzemolo e pangrattato, a cui viene poi aggiunta della mozzarella per renderle più morbide e vengono quindi fritte e servite con una salsa al pomodoro.
–> [Mondeghili]

Timballo: secondo lo chef Suzette Gresham del ristorante Acquerello di San Francisco “Simile alla lasagna, ma molto più complicato da realizzare, il timballo è molto apprezzato in Italia, anche se qui da noi il termine è ancora poco comune. Il mio preferito è il timballo teramano, fatto con ben 16 strati di crespelle, ognuno dei quali condito con sugo di pomodoro e verdure, mozzarella, parmigiano grattugiato e polpettine di carne di vitello e maiale: se non avessi visto coi miei occhi una famiglia abruzzese che lo preparava, non avrei mai creduto che fosse così difficile da fare.
–> [Timballo di maccheroni]

Insalata di cicoria: secondo lo chef Jordan Wallace della Pizzeria Locale di Denver “Consumata praticamente ovunque in Italia, la cicoria è però comunemente associata all’idea che sia amarissima e in effetti alcune qualità lo sono davvero, ma con la giusta combinazione di olio d’oliva e aceto e l’aggiunta di noci, il gusto risulta più bilanciato.
–> [Tutte le ricette con Cicoria]

Bigoli in salsa: secondo lo chef Ethan Stowell dell’Ethan Stowell Restaurant di Seattle “Anche se non è molto conosciuto, è da sempre uno dei miei piatti di pasta preferiti, perché si fa con ingredienti semplici – pasta, acciughe, olio extra vergine, cipolle e aglio – che però ogni volta vario a seconda del mio gusto e il risultato è sempre squisito. Non per niente sono solito ripetere che questo potrebbe essere il mio ultimo pasto prima di morire.
–> [Bigoli in salsa]

Spaghetti: secondo lo chef Paul Bartolotta del Bartolotta Restaurants di Milwaukee “Gli spaghetti. Pur essendo la più americana delle paste, in realtà la considero sottostimata per il modo in cui viene usata, perché non dev’essere trattata come la pizza. Gli spaghetti sprigionano infatti tutta la loro magia quando vengono cotti nella giusta quantità di acqua salata e conditi in maniera semplice, con aglio e olio; burro e parmigiano, alici o vongole, ma proprio questa loro semplicità fa in modo che siano poco considerati.”.
–> [Tutte le ricette con Spaghetti]

in: La nostra cucina
30 Luglio 2014
di alessio