Gli spuntini migliori con poche calorie e tanto gusto ed energia

Qualunque medico o dietologo consiglia 5 pasti al giorno per mantenere attivo il metabolismo: colazionepranzocena più due spuntini, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio. Questi ultimi due pasti, più piccoli e contenuti, nonostante questo hanno un’importanza fondamentale per il nostro organismo perché sono considerati degli “spezza-fame“.

Se questi vengono a mancare, si rischia di incorrere in attacchi di fame nervosa e il rischio di abbuffata al momento del pranzo o della cena, dopo che il nostro organismo è rimasto a digiuno per diverse ore, è garantito al 99%. Importante però è che questi “spezza-fame” non siano ne eccessivamente pesanti per lo stomaco ne troppo calorici per la linea.

Proprio per questi due pasti, che dopo quanto detto iniziano ad avere un’importanza quasi maggiore rispetto agli altri tre, è stata stilata una lista di quei cibi adatti e perfetti per svolgere il compito di “spuntino” (ricordiamo che tutti questi alimenti sono caratterizzati da basso contenuto di calorie).

1. arancia e scorze: agrume antiossidante, brucia grassi, stimolante del sistema immunitario, ricchissimo di vitamine e sali minerali, energico;

2. mela o banana: un frutto di questi è perfetto per uno spuntino perché da subito un senso di sazietà, fortifica il sistema nervoso, regola il metabolismo e abbassa il colesterolo;

3. centrifugati: sempre a base di frutta, sono concentrati di vitamine e danno all’organismo un immediato senso di energia e forza;

4. macarons: uno spuntino fuori dalle regole, un dolce che grazie a forma e colore dona il sorriso, un po’ più calorico di una mela ne bastano due per spuntino;

5. cioccolato: discorso già ampiamente affrontato quello legato al cioccolato, che è prima di tutto un perfetto anti-stress e quindi ideale e ottimo per svolgere il compito di spuntino;

6. barrette ai cereali: esistono varie correnti di pensiero legate a questi snack, c’è però da dire che possono andare bene come spuntino in quanto ricche di cerali e vitamine che garantiscono una “tranquillità” del sistema nervoso;

7. tè e fette biscottate: antibatterico, antiossidante, riduttore dell’assorbimento di grassi, effetto saziante se accompagnato da 2 (non di più) fette biscottate;

8. yogurt: con cereali o bacche di goy o cubetti di frutta, è ideale come spezza-fame perché attiva il metabolismo e da un immediato senso di energia allontanando stress e stanchezza;

9. biscotti o crackers: per i biscotti meglio scegliere quelli light senza latte e uova, i crackers queli all’acqua; entrambi assaporati lentamente, donano al cervello l’appagamento necessario per rimettersi a lavorare senza stress e con più gusto (attenzione a non eccedere nelle dosi, i prodotti da forno sono sempre abbastanza calorici);

10. parmigiano: fonte di calcio, dona all’organismo il 50% della dose giornaliera necessaria per restare in forma.

in: Alimentazione
20 Aprile 2016
di silvia