Dimagrire? Dieta si, ma non basta

Prova costume, ormai dovremmo già averla fatta tutti, ma per chi non l’avesse superata il motivo è probabilmente legato alla dieta: una buona dieta è il primo passo verso la forma fisica, ma da sola non basta.

Una ricerca effettuata dalla Standford University e pubblicata sull’American Journal od Medicine rivela come pancetta e maniglie dell’amore siano dovute soprattutto ad un costante aumento dell’inattività fisica. Negli ultimi 20 anni, in particolare negli Stati Uniti dove il problema legato alla “forma fisica” è di dimensioni rilevanti, si è verificato un costate calo dell’attività fisica strettamente legato ad un aumento dell’indice di massa corporea. Il consumo calorico invece è rimasto quasi invariato. Questo significa aumento di peso: i ricercatori hanno evidenziato come dal 1994 al 2010 le donne definite “inattive” sono aumentate dal 19,1% al 51,7% e gli uomini dall’11,4% al 43,5%.

E’ proprio da questi dati che i ricercatori hanno tirato fuori la testi del “meno dieta, più movimento”: gli scienziati consigliano infatti a tutti quelli che hanno intenzione di intraprendere un periodo di dieta (alimentazione controllata) di fare solo più movimento senza dare tagli drastici alla propria alimentazione. Sarà proprio questo movimento maggiore a dare i migliori risultati (i consigli sono salire le scale, camminare, bicicletta, corsa).

Per quelli che vogliono comunque dare una regolata alla propria alimentazione, il consiglio è di inserire alcuni alimenti amici, cioè buoni ma a basso contenuto di calorie. Via libera quindi a fibre e probiotici (presenti nello yogurt) che si sono rivelati essere i migliori amici di un ventre piatto. Infine non scordarsi mai di bere tanta acqua in modo da evitare la ritenzione idrica.

in: Salute e Benessere
21 Luglio 2014
di silvia