Dieta, salute e bambini: l’alimentazione aiuta a leggere

Una relazione importante tra dieta e capacità di lettura è recentemente emersa da uno studio eseguito in Finlandia presso l’Università della Finlandia orientale e poi pubblicato sull’European Journal of Nutrition.

Al centro di questi studi ci sono proprio i bambini con età comprese tra 6 e 8 anni: l’alimentazione degli individui così piccoli e ancora in via di sviluppo deve essere basata su un diario alimentare completo e ben bilanciato, dove si prediligono alimenti sana e di prima scelta contro quelli di oggi industriali e confezionati.

Il campione preso in considerazione contava 161 individui: Più le scelte alimentari dei piccoli si avvicinavano alle raccomandazioni nutrizionali e alla Dieta del Mar Baltico, una sorta di versione nordica della dieta Mediterranea, che prevede molta verdura e frutta, pesce e cereali integrali, grassi insaturi, poca carne rossa e pochi zuccheri e grassi saturi, migliori erano i risultati dei test di lettura, rispetto a bambini della stessa età che seguivano una dieta meno sana. E a dimostrare che sarebbe proprio la dieta a fare la differenza, gli autori hanno rilevato che l’associazione positiva tra dieta e abilità nella lettura nelle classi seconda e terza era indipendente dalle capacità nella lettura dimostrate in prima. I bambini che mangiavano meglio, quindi, miglioravano maggiormente nella lettura dalla prima alle classi successive rispetto a quelli che mangiavano cibi meno sani”.

in: Natale
15 settembre 2016
di silvia