Il capodanno 2016 è low cost: cosa consiglia l’Unione Consumatori

L’Unione Nazionale Consumatori (UNC) come ogni anno stila una lista di consigli e semplice regole che si possono adottare per la cena della notte di San Silvestro, così da evitare tanti (spesso anche troppi) sprechi e realizzare dei piatti a regola d’arte.

Prestando attenzione e cura alla scelta dei prodotti si può risparmiare quasi fino al 40%. Ecco i consigli stilati per il capodanno 2016:

NO AL PRIMO PUNTO VENDITA. fate un giro prima di scegliere dove compare per confrontare le offerte.

CANALE DI VENDITA. Scegliere con cura dove acquistare: discount, supermercato, ipermercato, negozio, mercato. Non sempre uno solo è più vantaggioso, dipende dal tipo di prodotto e dalle offerte in corso.

RIDURRE I QUANTITATIVI. Ricordatevi di non esagerare.

LISTA DELLA SPESA. Stilate una lista con il necessario da comprare altrimenti il rischio è venir preso dall’entusiasmo dello shopping e si rischiano acquisti inutili.

FRUTTA E VERDURA DI STAGIONE. Quindi no alle primizie che troppo spesso si trovano sui banchi dei mercati nel periodo delle Feste e che provengono da Paesi lontani.

ATTENTI ALLE SCADENZE. Ricordatevi di controllare la durata del prodotto che state per comprare e attenti anche ai pacchi regalo che possono contenere prodotti in scadenza.

OFFERTE SOTTOCOSTO. Sono prodotti “civetta” che servono per attirarvi nel supermercato, ma non sempre sono convenienti.

OFFERTE PROMOZIONALI. Possono essere molto vantaggiose, ma verificate con attenzione l’effettiva convenienza sia in termini di prezzo che di quantità.

CESTI NATALIZI. I cesti gastronomici sono un regalo utile e gradito, controllate però sempre la scadenza dei prodotti.

SPUMANTI. Ci sono ottime marche di spumanti italiani a prezzi ragionevoli. Preferite quelli a fermentazione naturale.

in: Scuola di cucina
30 Dicembre 2016
di alessio