“Cacciata perché indossavo shorts. Colpa degli uomini che non sanno controllarsi”

Una storia che arriva dallo shop di Bel Air, dove una ragazza come tante, vestita come tante, si è vista cacciare dalla struttura. E’ la storia di Gabrielle Gibson, 19 anni, che arrivata per fare shopping, è stata allontanata con la spiegazione che il suo abbigliamento non era consono allo “spirito” della struttura; i dirigenti dello shop di Bel Air hanno affermato che lo scopo era quello di mantenere un ambiente famigliare e chiunque indossi abiti che violano questa policy “è invitato ad andare via”.

La ragazza però ha denunciato una situazione non coerente con questa politica Tutti indossavano shorts, ma sono stata l’unica ad essere fermata. Nello sfogo pubblicato su Facebook, con le foto che mostrano l’abbigliamento incriminato, ha poi scritto Quando sono uscita da casa mi sentivo bella e contenta di me stessa, ma essere stata attaccata da questi uomini per quello che indossavo quando stavo semplicemente facendo una passeggiata e comprando cose è stato eccessivo. Non avrebbero dovuto cacciarmi. È triste che uomini cresciuti non riescano a controllarsi. Non vorrei mai che qualcuno si sentisse come mi sento oggi io”.

_____________________

Nel giro di poche ore da questa denuncia, alla ragazza sono arrivati migliaia di messaggi di solidarietà “Tante persone mi hanno contattato per dirmi le loro storie. Le molestie sessuali succedono così spesso. Voglio solo che tutti sappiano di tenere la testa alta e non lasciare che nessuno ti faccia sentire a disagio. Io amo tutti voi e grazie mille per il supporto”.

in: Natale
06 Agosto 2018
di alessio