Burger King chiede una stella alla Guida Michelin “Non la meritiamo?”

La divisione belga della nota catena di fast food, che da sempre si contende cuori e girovita di tutto il mondo sfidando la grande emme, per la nuova campagna pubblicitaria ha deciso di provocare la Guida Michelin.

La lettera, pubblicata sui cartelloni pubblicitari, inizia con l’ammissione che “l’accostamento tra la stella e Burger King non è immediato, a tavola non abbiamo posate d’argento o tovaglie di seta, o un cameriere a ogni ingresso. Al contrario potrete trovare tovaglioli di carta a ogni tavolo, mangiare con le mani, usufruire di un servizio take-away e mangiare il vostro pasto esattamente dove più vi aggrada“.

Decisamente poco da Guida Michelin. Nonostante questo la catena di fast food  si dice orgogliosa “di presentare la nostra nuova creatura, il Master Burger. Chiudete gli occhi e lasciatevi avvolgere dal delicato profumo arrostito di Angus, avvolto da morbido pane bianco“, condito con “maionese di cipolla, mostarda, Cheddar di qualità, bacon croccante, pomodori succosi, rucola croccante e molto altro ancora“. Un piatto da chef di alta cucina, non c’è che dire. O almeno quelli di Burger King ne sono convinti: “Avete mai servito in qualcuno dei ristoranti contenuti nel vostro piccolo libro rosso un piatto così gustoso servito in soli 5 minuti, da mangiare un ristorante dove potete sedervi senza aver prenotato tre mesi prima? Assolutamente no. Per questo, cari ispettori, vi preghiamo di colmare questo gap durato 66 anni“.

in: Notizie Dal Mondo
15 Ottobre 2020
di silvia