Alloro & Cucina: ecco perchè fa bene usarlo

Conosciuto come un’erba aromatica che purtroppo spesso viene sottovalutata, in realtà l’alloro è un importante fonte alimentare ottima sia per la cucina che per l’organismo.

In antichità, e talvolta ancora oggi, l’alloro veniva chiamato con il nome di Lauro; questi ha una foglia caratterizzata da una forma allungata e un colore verde scuro, con un profumo forte e un sapore molto intenso, ma nonostante quest’ultimo punto apparentemente a favore l’alloro non è da mangiare ma va semplicemente usato per insaporire i piatti perchè in caso contrario può provocare soffocamento o problemi all’apparato digerente.

Oltre al suo ottimo utilizzo in cucina, che come abbiamo detto serve fondamentalmente per conferire un buon sapore ai vostri piatti (si usa solitamente per le preparazioni salate, ma c’è chi crea anche preparazioni dolci – in questo caso come non citare Sergio Barzetti “Mister Alloro” della prova del cuoco?), ha ottime proprietà benefiche per l’organismo.

Al primo posto ci sono le proprietà benefiche di queste foglie che favoriscono la digestione, aiutano l’eliminazione dei gas intestinali, sono adatte per la cura dei reumatismi, per allontanare la stanchezza e tenere lontana l’influenza: ma visto che consumarle così “a crudo” è fortemente sconsigliato, l’unico modo per trarre beneficio dalle foglie di alloro è preparare degli infusi. Le foglie di alloro sono ricchissime di Vitamina C, Vitamina A, ma ancora tantissimi sali minerali che aiutano a vivere bene, quali rame, potassio, ferro, zinco, manganese, calcio.

in: Conoscere gli ingredienti
16 Settembre 2014
di silvia