Allarme carne rossa, un consumo eccessivo aumenta il rischio di contrarre malattie

Abitudini alimentari da cambiare o modificare per tutti gli amanti della carne rossa, perché alcuni recenti studi hanno evidenziato come un consumo eccessivo possa nuocere gravemente alla salute aumentando notevolmente il rischio di contrarre le cosiddette “super malattie”.

Nel dettaglio, le malattie più “facili” da contrarre con una dieta non bilanciata sono: tumori, malattie cardiache e respiratorie, ictus, diabete, infezioni, demenza di Alzheimer, patologie renali ed epatiche croniche.

Il “mix” che può nuocere alla salute non è solo il consumo della carne rossa, ma si aggiungono altri fattori quali la cottura, la provenienza non sempre verificata e le modalità di allevamento degli animali.

Per bilanciare questo rischio, gli esperti consigliano infatti di bilanciare nell’arco della settimana il consumo di carne rossa con il consumo di carne bianca o pesce: assumento nelle stesse quantità i due prodotti, il rischio di contrarre “grandi malattie” si riduce di circa il 25%.

Infine gli esperti evidenziano come oggi le abitudini alimentari siano nettamente diverse da quelle di un tempo e quindi i rischi per la salute siano molteplici “L’uomo moderno mangia un quantitativo di carne che è circa 10 volte quello dei primi esseri umani, e assume moltissime proteine animali (circa un quinto del suo fabbisogno energetico): per questo è necessario cambiare radicalmente abitudini, come si è fatto con le sigarette. Anche perché gli allevamenti intensivi sono responsabili di buona parte del disastro ambientale planetario, dal consumo scriteriato e scarsissimamente efficiente di acqua ed energia all’emissione di metano alla perdita di biodiversità dovuta alle monocolture di mais e soia da cui si ricavano i mangimi”.

in: Alimentazione
13 maggio 2017
di silvia