Al lavoro durante l’emergenza: Ferrero premia i dipendenti con un bonus in busta paga

Dopo Giovanni Rana anche Ferrero ha deciso di dare un premio ai suoi operai che hanno lavorato durante l’emergenza coronavirus. 

I dipendenti della rete vendita e della logistica che hanno assicurato la loro opera tra il 16 marzo e il 24 aprile avrà dalla multinazionale della Nutella in busta paga 750 euro lordi, parametrati a seconda dell’effettiva presenza nei giorni dell’epidemia 

La misura va a integrare gli accorgimenti adottati dall’azienda già nelle scorse settimane. Dall’attivazione dello “smart working” fino a data da destinarsi per tutto il personale non direttamente coinvolto in attività produttive e di vendita (personale che usufruirà delle ferie tutti i venerdì fino al prossimo 17 aprile) alla riduzione del 50% della forza lavoro sulle linee nello stabilimento di Alba – in questo caso col ricorso per il 50% alle ferie e per la parte restante a permessi retribuiti, anche qui fino al 17 aprile.

“Ferrero – si legge in una nota dell’azienda – ha sempre la mente rivolta all’emergenza presente, ma anche al futuro, quando l’Italia sarà chiamata a ripartire nell’interesse di tutti. Per questo l’azienda continua a monitorare la situazione, si attiene rigorosamente alle disposizioni governative e, laddove è in grado di farlo, va oltre. I suoi operai sulle linee, a ranghi ridotti, tutta l’organizzazione di vendita, di assistenza ai clienti e di logistica contribuiscono con orgoglio e senso del dovere, insieme a tutta l’industria alimentare, a far sì che tutti gli italiani possano fare la spesa normalmente senza trovare quegli scaffali vuoti che ingenerano panico e indebite preoccupazioni nella popolazione, con reazione scomposte

in: Notizie Dal Mondo
31 Marzo 2020
di silvia