Addio alle monetine da 1 e 2 cent: al Conad si arrotonda

Stop monetine da 1 e 2 centesimi nei supermercati, Conad è il primo ad arrotondare i prezzi a 5 centesimi. Da pochi giorni, infatti, nei punti vendita del gruppo sono comparsi i primi volantini in cui si annuncia l’arrotondamento dei prezzi al multiplo di cinque più vicino, per eccesso o per difetto. Insomma, se il conto dirà 5,57 si pagherà 5,55 euro, se sarà di 5,58 si salirà a 5,60.

L’unico per pagare il conto esatto sarà avere la cifra precisa in centesimi nel proprio portafoglio. È l’effetto dello stop alla produzione di monetine deciso dallo Stato a inizio 2018: i cartelli sono apparsi un po’ in tutti i supermercati tra Romagna, Marche, Veneto e Friuli-Venezia Giulia, una volta che vanno a esaurimento le scorte di bronzini.

Una decisione che segue l’annuncio dello stop alla produzione delle monete da 1 e 2 centesimi: dal 1 gennaio 2019 la Zecca di Stato ne ha sospeso il conio. Dalla Romagna al Veneto alle Marche, Conad ha annunciato la sua decisione “Non è stata una scelta presa a cuor leggero, ma purtroppo gli istituti di credito non sono più in grado di fornire questo tipo di valuta nelle quantità necessarie”. I prezzi, hanno precisato “non sono stati toccati” e l’arrotondamento ai multipli di cinque riguarderà solo i pagamenti in contanti, per quelli con bancomat e carte di credito nessun arrotondamento

in: Natale
01 Aprile 2019
di silvia